La musica è un elemento importante per tutti, può segnare una giornata o un evento particolare. A chiunque ad esempio, pensando al Mondiale 2006 viene in mente la canzone Seven Nation Army dei White Stripes, ma non solo…

Ognuno ha la sua particolare canzone per un amore, per un esame universitario o per qualsiasi altra situazione!

La musica, così come per la maggior parte delle persone, è un elemento costante della mia giornata e anche se mi sono sempre limitato ad ascoltarla o al massimo a canticchiare in auto mi segue per buona parte delle mie attività.

Devo dire quindi che è sempre stata anche un’ottima compagna nei viaggi, nei momenti di relax e in quelli di svago.

Un giorno però, non moltissimo tempo fa, dopo averci riflettuto un po’ su, ho deciso di provare ad avvicinarmi a questo mondo, fino ad allora a me praticamente ignoto, in modo più approfondito!

Voglio imparare anche io!

Spinto inizialmente più per curiosità che per altro, ho preso la decisione di fare il grande passo. Ho deciso di immergermi nell’imparare a suonare uno strumento musicale e dovevo partire da zero!

Nella mia cerchia di amicizie rientrano diversi ragazzi della mia età e persone più adulte che hanno studiato musica per tanti anni. Molti di loro suonano, qualcuno insegna e qualcun altro ancora canta… Tutti, chi più chi meno, ad un ottimo livello (tra cui qualche professionista).

Quando esco la sera insieme a qualcuno di loro, capita che si affrontino anche discorsi legati alla musica. Io, da perfetto ignorante in materia, sotto l’aspetto tecnico non ci capisco assolutamente nulla, ma ho notato che il quadro che emerge ogni volta è sempre molto simile.

Praticamente mi si prospettavano in modo chiaro e indiscutibile i seguenti scenari:

  • c’era chi si lamentava di guadagnare una miseria nonostante si sbattesse parecchio per suonare qua e là nei locali;
  • quello che si arrabattava tra un impiego e l’altro per cercare di avere uno straccio di stipendio decente e si occupava di musica praticamente a tempo perso;
  • chi macinava chilometri in macchina e si spostava tra scuole di musica e case private per dare lezioni ad alcuni studenti… Non ti dico quanto era felice quando incontrava allievi che si presentavano una settimana sì e due no;
  • chi si dilettava a registrare video in cui cantava o suonava un pezzo per poi caricarlo sui social e tentare disperatamente un aumento di visibilità strappando qualche like e condivisione in più;
  • e poi c’era addirittura chi aveva abbandonato completamente ogni speranza… Per lui l’argomento era totalmente off limits.

“Lasciate ogni speranza o voi che entrate”

Prima o poi il buon vecchio Dante Alighieri dovevo citarlo! Eh sì, perché lo scenario che mi si presenta ogni volta di fronte è abbastanza triste e desolante…

Ora, pur non conoscendo nulla e provenendo da tutt’altro tipo di formazione, c’era comunque qualcosa del settore musicale che mi incuriosiva.

Volevo provare anch’io a suonare! Quindi circa un annetto fa, spinto dalla voglia di provare nuove esperienze e mettermi in gioco, mi è balenata in testa l’idea di imparare a suonare la chitarra o perlomeno cominciare a comprenderne le tecniche di base.

Insomma, quella chitarra che mi fissava dal soggiorno intenta a prendere polvere ora finiva tra le mie mani e in cuor mio sapevo già chi avrebbe vinto tra i due.

Tutto entusiasta iniziai a fare una ricerca su internet per capire quale corso online potesse essere più adatto ad un principiante come me.

All’inizio non trovai nessuna fonte e soprattutto nessun professionista interessante sui motori di ricerca più conosciuti…

Mai arrendersi, quindi continuai la ricerca e, alla fine, decisi di concentrarmi esclusivamente su YouTube.

Insomma, chiunque mette i video su YouTube! Vuoi che non trovo un bravo chitarrista? Ed effettivamente ho trovato subito un chitarrista che sembrava fare al caso mio!

Prima di andare oltre nella lettura però, Iscriviti al Video Corso GRATIS Musicalmente Digitale. Più di un’ora di nozioni per imparare a sfruttare gli strumenti del digital marketing, nella tua attività musicale!

Zapping tra i canali

Iniziai così a seguire i primi video se non fosse che, appena dopo un paio di giorni, mi ritrovavo già a fare zapping su diverse pagine… Infatti, mi ero accorto di non trovare esattamente tutto ciò di cui avevo bisogno in un solo canale YouTube.

Anzi, mi ero reso conto che non solo su YouTube, ma anche in generale sul web, non c’era nulla che fosse strutturato in maniera completa dalla A alla Z e che fornisse in modo esaustivo tutti i contenuti.

Trovavo quindi un argomento utile da una parte, poi uno da un’altra… Giravo in un sito, poi dovevo guardare un blog per completare la nozione, poi dovevo chiedere in un forum…

Insomma, ero obbligato a fare una sorta di collage tra contenuti vari e diversi tra loro e io sinceramente non sono un grande appassionato di puzzle!

Ho anche acquistato un programma formativo… Un bel cd come inserto di un libro comprato in edicola, ma che mi risultava un po’ scomodo. Non potevo portarlo sempre con me e non avevo molto tempo da dedicare esclusivamente al cd con il libro tra le gambe…

Insomma, per farla breve, non avevo né tempo né voglia di complicarmi così tanto la vita per quello che alla fine consideravo solo un hobby… Mi è passata quindi l’ispirazione e lentamente ho iniziato a lasciare la chitarra sempre di più al suo posto in soggiorno.

Il gioco vale la candela?

Non fraintendermi, sono uno che si sbatte molto e sono determinato nel raggiungere un obiettivo in cui credo, ma il gioco deve valerne la candela!

D’altronde non sono un professionista della musica e non lo voglio nemmeno diventare quindi una volta che ho visto che le difficoltà erano più grandi della voglia di imparare ho perso lo slancio.

Passare la giornata a saltare da un canale ad un altro e diventare matto per ricomporre in maniera logica la sequenza delle nozioni che stavo imparando, non era uno sport che mi interessava praticare.

Tieni conto inoltre delle complicazioni che emergono quando prima segui un insegnate e poi ne segui un altro… I metodi di insegnamento ovviamente sono totalmente differenti e a volte contrastanti.

D’altronde, come potevo affidarmi al 100% ad un insegnante, seguendo esclusivamente il suo metodo, se per qualche motivo non mi ispirava totale fiducia e competenza nel suo settore? Magari era anche molto preparato, ma da fuori non si percepiva.

Pensa un po’ inoltre, come poteva risultare macchinoso e difficoltoso tutto il processo di apprendimento della chitarra da parte di uno, come me, che era completamente alle prime armi e non aveva nessuna dimestichezza con questo strumento musicale.

Insomma, una cosa che doveva essere fonte di gioia e motivazione si trasformò velocemente in un mix di noia, scocciatura e frustrazione. Trascorse poche settimane, decisi definitivamente di abbandonare l’idea di suonare la chitarra e concentrarmi piuttosto ancora di più sul mio lavoro.

Questa esperienza però mi è servita molto. Sì, perché mi aveva regalato una nuova prospettiva e soprattutto un’idea da rendere al meglio!

Infatti, mi sono chiesto quante persone, come me, hanno pensato di imparare uno strumento musicale e quante di loro hanno provato a seguire qualche figura professionale rimanendo però deluse e insoddisfatte da quest’esperienza.

Una sconfitta momentanea

D’altronde non sarò stato certo l’unico a incontrare enormi difficoltà nel trovare un’unica fonte online valida! Ho pensato “le cose devono cambiare” ed ecco che il mio spirito testardo è uscito fuori… La chitarra avrà pur vinto una battaglia, ma l’ultima parola deve essere la mia o per lo meno ci devo provare!

Immagina quanti potenziali clienti si possono perdere ogni singolo giorno perché si commette l’errore madornale di sottovalutare aspetti fondamentali, che in realtà fanno una sostanziale differenza nel vastissimo mercato online.

Aspetti basilari che però permettono di dare quella marcia in più alla tua attività! Quegli elementi che ti rendono unico e ti permettono di distinguerti dalla massa… Caratteristiche come autenticità, diversità, considerazione, credibilità e autorevolezza messe al servizio degli altri e non tanto per noi stessi giusto per sentirci tronfi e fighi.

Mettiti al servizio degli altri

Infatti, al giorno d’oggi non saper sfruttare la propria immagine e le proprie competenze online è un totale spreco di tempo, talento e denaro.

Sapersi vendere e soprattutto saper come posizionarsi al meglio sul web è diventato fondamentale. Pochi professionisti riescono realmente a sfruttare le potenzialità del mondo digitale e controllano così una bella fetta di mercato.

Di certo un elemento da non sottovalutare, non trovi?

E sì, perché se aumenti la tua autorevolezza e riesci a posizionarti correttamente sul web puoi regalarti un futuro diverso.

Un futuro dove sei tu il padrone del tuo destino, del tuo lavoro e dei tuoi guadagni. Se ti concentri nel servire i tuoi clienti e follower e nel metterti a disposizione rendendo più semplici e accessibili le tue conoscenze, riuscirai a raggiungere grandi traguardi.

Mettersi sopra un piedistallo e usare metodologie complicate serve solo per soddisfare il proprio ego, ma dall’altra parte non vieni percepito, non vieni capito e le persone perdono interesse in quello che sei e in quello che vuoi trasmettere.

E ora dimmi… Tu, sei pronto a comprendere definitivamente quali sono gli errori che, a tua insaputa, hai sempre commesso? Sei pronto a superare i tuoi limiti?

Prendi la decisione più importante… Decidi di agire e di aumentare le competenze in altri settori! E soprattutto, se hai piacere, continua a seguirci…

Per ricevere gli ultimi aggiornamenti del digital marketing studiato apposta per il settore musicale, metti mi piace alla nostra pagina Facebook!

E se non lo hai ancora fatto, clicca qui sotto e iscriviti al Video Corso GRATIS Musicalmente Digitale per fare della musica il tuo vero lavoro!